SfogliaCostume

Maggio 1998: i primi flirt tra Tronchetti Provera e Afef

Davide Burchiellaro per  Panorama del 21 maggio 1998 A.Mondadori editore   Weekend tra aragoste e cous-cous, allo stadio per la partita, in barca a Portovenere.  A far detonare la notizia dell’ amicizia più appetitosa della primavera sono bastati due weekend. Tutto è cominciato con il ponte dell’ 1 maggio, che ha visto Afef Jnifen e Marco Tronchetti Provera protagonisti di un tour solare e gastronomico. Sbarcati a Taormina, la bruna modella trentaquattrenne e il bel manager cinquantenne hanno alloggiato al secondo piano dell’ hotel de charme San Domenico. Ostriche, aragoste alla cinese, bianco Regaleali e cannolo siciliano finale hanno accompagnato le conversazioni dei due. La vacanza è continuata alle isole Eolie: installata ai fornelli del ristorante Da Gullo di Salina, Afef…

Modernariato, il fattore nostalgia

Davide Burchiellaro per  Panorama del 7 maggio 1998 ©A.Mondadori editore Una volta erano radio e juke-box. Ora tocca  ai paleotelefonini e ai  primi computer. La caccia al gadget della nostra piccola storia quotidiana è aperta. All’ improvviso tutti sembrano attratti dalla storia appena trascorsa, come se volessero ricostruirne i dettagli Le forme più innovative rimangono ancora quelle degli anni Sessanta. Oggi non c’ è quasi nulla di nuovo Avete presente le Clarks supersdrucite? Sono le più ricercate dai veri fanatici.   C’ è un momento in cui il collezionista dimentica ogni rimorso e si convince che quei 150 milioni sono stati spesi bene. E’ quando il braccio meccanico del juke-boxe Wurlitzer anni 50 sistema il disco sotto la puntina. Le note…

Luther Blissett 1995, tutto accadde tra Bologna e Ferrara

Davide Burchiellaro e Marco Gregoretti per Panorama (12/01/1995)©Mondadori Editore   Alle radici di Luther Blissett. Là dove nacque Q, ovvero la Bologna dei primi anni 90 I RAGAZZI DELLO ZOO DI BOLOGNA. Rockettari autistici, cialtronisti autocostruttori, psicogeografi, surrazionalisti: sotto le due torri cresce la No Generation Era un bomber in Inghilterra. Poi, quando alla fine degli anni 70 approdò al Milan, diventò famoso per i gol mancati. Ma a rivalutare Luther Blissett, ex-centravanti di colore, ci pensa adesso Bologna, la Seattle italiana. Nelle osterie, nel cyberspazio, sulla rete Internet, nei centri sociali di Bologna il popolo giovanile si chiama, in gruppo e singolarmente, con un solo nome: Luther Blissett. Uno pseudonimo collettivo usato per indicare una sorta di lobby sotterranea…