SfogliaCostume

Eva Herzigova

Eva Herzigova

Parigi, interno notte. Come tutti i maestri, anche Karl Lagerfeldalle 4 inoltrate è nel pieno delle energie creative. E quando arriva la fiaschetta d’acqua, la sua modella, Eva Herzigova , intuisce subito (con terrore) l’idea che ballonzola in testa allo stilista fotografo: una serie di scatti finali molto bagnati. Che l’abbia fatto per tonificarla dopo dieci ore di set estenuante? A lei il dubbio è rimasto, ma davanti al risultato, le immagini del mese di dicembre, si arrende, come sempre, al talento di colui che considera un padrino professionale e spirituale dal 1991.

Blue & Joy

Davide Burchiellaro per Marie Claire (11/2008)  ©Hearst Marie Claire Italia 2008 BLUE&JOY Artisti pop, ex pubblicitari,  nuovi interpreti dell’umore sociale Berlino, esterno sera. Sono scoraggianti perfino all’happy hour. Ti trascinano all’ Erdbeer in Rosa Luxenburg platz, cocktaileria decadente all’ombra del Libero Teatro Popolare Volksbühne e ti consigliano caldamente un daiquiri alla fragola. Ma quando sei davanti alla pinta di ghiaccio frullato rosa, fanno la faccia contrita. «Guarda che fa malissimo», dice uno. «Sì, al secondo finisci all’ospedale o stai in bagno tutta la notte», incalza l’altro. «A volte ne basta uno solo», chiosa il primo. Per capire l’arte di Fabio La Fauci (milanese) e Daniele Sigalot (romano), alias Blue&Joy , basta un aperitivo. Meglio se consumato sul finire di un…

Lapo Elkann, 100 domande

Davide Burchiellaro per Marie Claire (10/2008)  ©Hearst Marie Claire Italia 2008 Bullo a scuola, spavaldo in caserma, ardito sugli spalti, innovatore nella moda. E (troppo) sensibile in amore. Un consiglio, non chiamatelo mai “agnellino”. 1. La prima cosa che fai quando ti svegli? L’elenco delle cose fighe e di quelle noiose a cui mi dedicherò. 2. Il ricordo della tua prima auto? Una mini-Formula 1 come quella di Jean Alesi. Me la regalò il nonno, era un go-kart vestito da Ferrari. Che mi consentì di andare a fare per la prima volta il cretino a Villar Perosa. 3. Il ricordo più bello di tuo nonno Gianni (Agnelli)? Troppi e privati. Su di lui si fanno mostre che ne rispecchiano il…

Diego Della Valle, 100 domande

Davide Burchiellaro per Marie Claire (7/2008)  ©Hearst Marie Claire Italia 2008 100 domande al più internazionale dei provinciali Il primo pensiero al risveglio? Se a casa stanno tutti bene. 54 anni appena compiuti. Quanti se ne sente addosso? Non più di 26. Il più bel ricordo da bambino? Mio padre che viene a prendermi in stazione al ritorno dal Collegio Pascoli di Bologna. Il ricordo più bello da nonno? Mia nipote Maria Giorgia che mi sorride mentre fa colazione. Dov’era nel ’68 e che sigarette fumava? Non fumavo, ero a Bologna, probabilmente al bar. Da Zanarini. Molti miei amici non si sono mossi da quei tavolini. Chi erano i suoi eroi di allora? Mio padre e John Fitzgerald Kennedy Il…

La pesantezza del circense

Davide Burchiellaro per Marie Claire (2/2008)  ©Hearst Marie Claire Italia 2008 Carnevale, festa demenziale? Se il mondo dell’immaginario stucchevole fosse regolato da leggi scientifi che, a spiegare tutto sarebbe il Teorema della Bomboniera. Che reciterebbe così: il quoziente di repulsione di una fi gura aumenta con la quantità di bomboniere che ispira. A contendersi il primato sono due popolazioni storicamente dipendenti dai confetti: quella dei Putti Nudi Rubicondi, e quella delle Icone Tristi Carnevalesche/Circensi. Sappiamo di urtare i nervi (fragili come la loro porcellana) dei maestri artigiani che da Capodimonte a Hong Kong sono misteriosamente vittime dell’identica ossessione per clown depressi, mascherine veneziane, pierrot lacrimanti, geishe pallide del teatro Kabuki, mimi struggenti prossimi al suicidio sulla Senna. Ma è giunto…

Stupidario della crisi economica

Davide Burchiellaro per Marie Claire (1/2008)  ©Hearst Marie Claire Italia 2008 STUPIDARIO DELLA CRISI ECONOMICA Mentre la tua banca soccombe sotto una gragnola di legnate in Piazza Affari , la suadente vocina registrata del “servizio mutui” ti mette in attesa per quattordici minuti. La cornetta gracchia e parte il firulì-firulà di Bobby McFerrin con la canzone Don’t Worry, Be Happy. Pensi: «Be’, se lo dicono loro…». Ma poi ti è chiaro, è l’ennesimo segnale che la “scienza triste”, come gli studiosi e i divulgatori chiamano l’economia, si è aggravata. Dalla tristezza si è passati all’emergenza psichiatrica. Tutti al suo capezzale farfugliano con l’incosciente euforia del cretinismo. Siamo allo stupidario mediatico. A compilarlo sono i dottor House della Borsa, gli economisti…

Gianni Biondillo

Davide Burchiellaro per Marie Claire (10/2006)  ©Hearst Marie Claire Italia 2006 Il giallista di Quarto Oggiaro svela la sua Milano segreta MIiano deserta di cani sgozzati e marocchini accoltellati tra il cemento di Quarto Oggiaro. Una Milano nove mesi inverno e tre mesi inferno di zanzare e afa. Ma anche una Milano morale e solidale. Sontuosa nei suoi palazzi, popolata di donne forti, eleganti. E bellissime. Le migliori del mondo. Gianni Biondillo, «sempre più romanziere e sempre meno architetto», è uno scrittore che ama intrecciare i luoghi comuni della metropoli, gioca a confermarli, a smentirli e a ribaltarli. Senza smettere mai di amare questa città. Ha 40 anni e una moglie, Elena, sua prima lettrice e «grande amore milanese». Ha…

Il fascino dell’ebraismo

Davide Burchiellaro ed Elena Vaghi per  Panorama 8/10/1998 ©Arnoldo Mondadori Editore   Mentre lo “shofar“, il corno rituale, suonava per 14 volte chiamando a raccolta gli ebrei nelle sinagoghe per celebrare Rosh-ha-shana, l’ apertura dell’ anno 5759, lunedì 21 settembre su Internet i numerosi siti dedicati alla cultura ebraica, allo studio del Talmud e della Cabala venivano presi d’ assalto da navigatori appassionati di neospiritualismo. Disposti perfino ad acquistare on line libri, manuali, videocassette o dischi di musica klezmer. Pochi giorni prima un inedito affollatissimo parterre ha gremito il teatro Franco Parenti di Milano dove lo scrittore Gabriele Nissim ha presentato, assieme all’ artista yiddish Moni Ovadia, il suo libro L’ uomo che fermò Hitler dedicato a Dimitar Peschev, uomo…

Paul Burrell

Davide Burchiellaro per Panorama (25/03/2004)  ©Mondadori Editore IL MANUALE DEL VALLETTO DI DIANA. SERVO & PADRONE ECCO LA VERSIONE DI BURRELL Come nascondere il rossetto sulla camicia, le ricevute dei night, gli  escrementi dei cani reali… Mister Paul racconta l’eterno rapporto di odio-amore con i potenti. Famiglio impiccione, servitore infedele, gran seminatore di zizzania. Ma anche detentore di segreti, uomo di copertura, indispensabile simbolo di status e di stile, spesso conteso fra mariti e mogli. Quel che resta del maggiordomo nell’era del pettegolezzo da instant book e dei telefonini è tutto nella testa di Paul Burrell. Guance rosse e pancetta tipica di un inglese a cui piace molto la birra, l’ex valletto di Buckingham Palace ha passato 21 anni a…

Elio Fiorucci e Hugh Hefner

Davide Burchiellaro per Panorama (24/05/2001)  ©Mondadori Editore GURU LIBERTINI: ELIO FIORUCCI E IL RE DI “PLAYBOY” TRA EROS E BUSINESS Libertà sessuale, Viagra, cybersex, bambole al silicone… Due rivoluzionari del costume fanno il punto sulla loro eterna giovinezza. Senza troppe inibizioni. Uno veste le donne come sexy Barbie, l’ altro si diverte a spogliarle. Uno è single e devoto a San Faustino, protettore delle anime sole, l’ altro vive con Tina, Jennifer, Virginie, Michelle, Stephanie, Adeline e Tiffany, sette fidanzate biondo California che all’ uopo spupazza dentro una vasca idromassaggio a forma di grotta preistorica. Uno ha 65 anni e vanta una virilità ancora perfetta, l’ altro ne ha 75 e viaggia con il blister da 8 cp di Viagra…

Extrageneration. Generazione Napster

Davide Burchiellaro per Panorama (19/10/2000)  ©Mondadori Editore VIAGGIO NELLA EXTRAGENERATION DA BRITNEY SPEARS ALLA NAPSTERMANIA, DAL NOMADISMO AI DEEJAY, TUTTI I MITI DEI RAGAZZI ITALIANI Uno dei loro idoli, Shawn Fanning, ha rivoluzionato Internet a 19 anni. E ora è un miliardario della Silicon Valley. I neomaestri di vita sono i disc-jockey: chiacchieroni, creativi e spendaccioni. I cuori battono per il romanticismo goliardico dei Lùnapop. Radiografia di un popolo giovane e davvero fuori dagli schemi. Una fidanzata? Meglio un’ amica con cui condividere un viaggio o una cena etnica. Mamma e papà? Un mito, ma da coltivare senza accettarne i moralismi e possibilmente senza viverci insieme. Il lavoro? Più divertente che remunerativo, mai lo stesso per tutta la vita e…

Massimiliano Rosolino

Davide Burchiellaro per Panorama (28/09/2000) ©mondadori   Sydney: gli olimpionici italiani record sono stati una vera sorpresa. E dietro di loro avanza l’ onda dei ventenni d’ assalto. Ecco come vivono e come la pensano. ROSOLINO E L’ ORECCHINO Vita e successi del nuotatore italoaustraliano “Ciao, vado a preparare le Olimpiadi dalla nonna”. Deve aver detto più o meno questo Massimiliano Rosolino, 22 anni, agli amici di Napoli prima di partire. Già perché l’ italoaustraliano del momento ha trascorso dai parenti di Melbourne tutto il ritiro preolimpico. E’ da lì che viene mamma Carolyne, bionda sedotta da papà Salvatore durante una crociera. Dai 3 ai 6 anni il nuotatore ha vissuto in Australia, poi è tornato a Napoli, dove ha preso un…